Il lancio del coltello è spesso argomento trascurato nel combattimento con il coltello, perché si ipotizza di avere un’unica arma e non se ne vuole rischiare la  perdita, specie provando un lancio sulla lunga distanza.  Lo studio di taluni stili di Kali (Sayoc Kali e Warriors Eskrima) e l’allenamento con esperti italiani del settore mi ha però convinto che la materia può essere di gran interesse anche per chi è interessato al combattimento e non solo al semplice aspetto ludico.

Certo  per renderlo  davvero efficace è necessario apportare nell’allenamento delle variazioni al classico modo del lancio del coltello e introdurre l’utilizzo contemporaneo di più coltelli e modalità di estrazione veloce.  L’abitudine al lancio del coltello avvantaggia di molto anche l’attenzione nella corta e media distanza introducendo nuove variabili e possibilità.

Lo studio  del lancio dl coltello viene affrontato sia sulla corta che sulla media e lunga distanza (10-12 metri), anche se  ovviamente l’efficacia dal punto di vista del combattimento scende all’allontanarsi dal bersaglio, anche per la facilità di evitare l’attacco spostandosi.

L’ impugnatura dal lato della lama causa lanci “telegrafati” per cui richiede un allenamento particolare, che permette di sviluppare un’elevata sensibilità nel maneggio, del resto utilissima anche nel combattimento ravvicinato.

Nell’allenamento si usano coltelli di svariate forme e pesi, spesso non specificatamente  dedicati al lancio del coltello, in modo tale da consentire  un utilizzo delle tecniche apprese anche in un contesto reale.

Con il supporto di abilissimo e esperto del settore si organizzano corsi di lancio del coltello  su luogo organizzato per la materia.  Gli interessati possono contattarci attraverso il sito.
Presto posteremo diversi video sulla materia